I nostri approfondimenti

Scopri le ultime notizie dal mondo web, gli aggiornamenti sulle nostre attività e le rubriche digitali curate dal nostro Team

21/10/2021Amazon Prime Wardrobe: arriva il "Prova prima, paga poi"

Arriva anche in Europa l’“Amazon Prime Wardrobe”, il servizio dedicato agli utenti Prime che permetterà ai clienti di provare capi di abbigliamento e accessori e pagarli successivamente, solo a scelta confermata.
Questo servizio, di fatto, punta a rivoluzionare gli acquisti, consentendo ai consumatori di selezionare fino a sei articoli e riceverli a casa gratuitamente. Si avranno, poi, sette giorni per provare i capi e gli accessori e scegliere quali tenere e pagare. Amazon vuole andare incontro all’utente, facilitando sempre di più la sua esperienza di shopping, e premierà con appositi sconti chi restituisce meno articoli.

Con questa mossa Amazon Fashion vuole convincere gli scettici o chi ha difficoltà ad acquistare semplicemente rifacendosi a delle informazioni o delle foto presenti sulla piattaforma. Il servizio metterà al bando gli acquisti sbagliati, siano questi legati ad errore di taglia, colore o modello. Amazon Prime Wardrobe sarà compreso nell’abbonamento Prime, come Prime Video, Amazon Music Unlimited, Twitch Prime, le spedizioni gratuite; l’accesso alle offerte anticipate e molti altri vantaggi ancora.
Amazon viene dunque incontro a quella che è una tendenza molto forte tra i consumatori, soprattutto i più giovani, che sono soliti ordinare prodotti in più taglie e/o colori, per poi sceglierne uno solo restituendo gli altri. I clienti Prime di Amazon italiani, spagnoli, francesi e portoghesi potranno, quindi, unirsi a quelli negli Stati Uniti, Giappone, Regno Unito e Germania, che hanno già la possibilità di fare shopping con “Prime prova prima, paga poi”.

Con più di 10 milioni di capi disponibili in tutto il mondo con «Prime prova prima, paga poi» nel 2021, il doppio rispetto al lancio di Amazon.com, i clienti Prime potranno acquistare da brand come Calvin Klein, Tommy Hilfiger, Levi’s, Scotch & Soda, Pinko, Lacoste, Love Moschino, Hugo Boss, New Balance, Puma e molti altri e tanti prodotti particolari e originali di piccole imprese e designer emergenti.

Leggi di più

30/09/2021Amazon Store e Black Friday: come prepararsi al meglio

Il Prime Day è finito da tempo e il Black Friday avrà inizio a fine novembre, ma Amazon nel frattempo ha in calendario un altro grande evento. Rumors sempre più insistenti segnalano che il gigante delle vendite online prevede di organizzare un evento di shopping di bellezza a ottobre nel tentativo di prolungare le vendite avvenute nelle vacanze, secondo un rapporto della CNBC.

L' "Holiday Beauty Haul", della durata di tre settimane, si terrà dal 4 al 25 ottobre. Riguarderà fragranze, prodotti di bellezza e per la cura della persona. Si tratta, di fatto, di un’occasione interessante per promuovere in anticipo lo shopping Natalizio prima dell'atteso Black Friday.
Intanto il Black Friday rimane l’appuntamento imperdibile per le vendite online, per acquirenti, imprese e brand. Ma come sfruttare al meglio il celebre “Venerdì Nero” con il supporto di Amazon?
In primis va specificato che, nel corso del Black Friday, il traffico di Amazon si decuplica. Occorre, quindi, che il brand sia pronto a 360° per sfruttare le opportunità di vendita legate a questa preziosa occasione, ormai alle porte.
D’altro canto, proprio per la sua immensa portata, il Black Friday può rivelarsi un’arma a doppio taglio, se il brand si presenta impreparato, con giacenze mancanti e insoddisfacenti o vendite gestite male.

Di seguito i consigli, di Intempra, Amazon Service Provider Network certified partner, pronta a supportare brand e aziende che vogliono sfruttare le enormi potenzialità di Amazon in previsione del Black Friday, delle festività e integrare questo canale nella propria strategia di vendita.
Di seguito alcuni suggerimenti per un “Venerdì Nero” di successo:

Prepararsi per tempo: Per affrontare e ottenere successo con il Black Friday, occorre organizzare il proprio business a partire da 3- 4 mesi prima del celebre appuntamento. Parliamo di un’azione che riguarda diversi aspetti, dalla gestione del catalogo e delle giacenze alla programmazione delle campagne pubblicitarie, senza tralasciare tutti gli aspetti legati alla soddisfazione del cliente e alla gestione dei feedback degli acquirenti.

Aggiornare il catalogo dello Store: Foto corrette e ben realizzate, capaci di raccontare il prodotto, pagine prodotto ricche di informazioni e dettagli, catalogo sempre aggiornato. Lo Store su Amazon deve essere, in previsione del Black Friday, impeccabile.

Spingere i giusti prodotti: Durante il Black Firday, vanno messe in atto strategie ben strutturate capaci di spingere i prodotti che, effettivamente, sono maggiormente apprezzati dai consumatori. Ovviamente, per attuare questo tipo di selezione, bisogna fare un’analisi preventiva, studiando i numeri delle conversioni per un lasso di tempo precedente alla fatidica data di novembre.

Creare campagne pubblicitarie coerenti: tutto deve filare per il verso giusto in previsione del Black Friday, che sarà, quindi, lo step finale di un lavoro messo in atto precedentemente. I marketer devono essere pronti a ottimizzare le opportunità in questo periodo di grande picco delle vendite, con campagne coerenti pronte a suscitare interesse, curiosità e aspettativa nei clienti, ovunque essi siano.

Hai bisogno di un supporto per far crescere le tue vendite online e strutturare al meglio la tua strategia di marketing digitale? Scrivici all’indirizzo amazon@intempra.com, ti aiuteremo a fare di Amazon un prezioso alleato per il tuo business!

 

Leggi di più

08/09/2021Facebook: consigli e guida al marketing per le festività natalizie 2021

Prepararsi con anticipo al Natale è fondamentale per brand, aziende e chi fa e-commerce. È evidente, infatti, che si tratti di un periodo estremamente proficuo per chi fa marketing e vuole sviluppare il proprio business online. Non a caso Facebook ha già presentato la sua Guida per il marketing natalizio 2021: un documento ricco di analisi e consigli da mettere in pratica per aumentare le proprie vendite.

Bisogna, in primis, partire da una considerazione: queste festività saranno caratterizzate dal desiderio di vivere esperienze di acquisto moderne, che rispecchino i bisogni senza tempo delle persone. Va anche tenuto conto che le giornate di saldi, precedenti al Natale, stanno acquisendo sempre più popolarità: parliamo di appuntamenti come il Cyber Monday, il Black Friday o la Festa dei single, eventi che creano aspettativa, curiosità ed entusiasmo.

In tutto il mondo, le giornate di saldi come il Black Friday, la Festa dei single o il Prime Day coprono un periodo che va da luglio a dicembre, estendendo l'attesa degli acquirenti ben oltre la durata del tradizionale periodo natalizio. Ben 6 persone su 10 di coloro che acquistano durante le festività comprano durante le giornate di saldi.
Lo studio di Facebook mette in luce come 8 su 10 intervistati che hanno acquistato durante le giornate di saldi a livello globale hanno dichiarato che questi eventi li fanno "sentire parte di una community".

Comprare online significa anche condividere: nel 2020, il 58% degli acquirenti durante le festività a livello globale ha condiviso la scoperta di prodotti tramite piattaforme social o eseguito azioni come la creazione di liste dei desideri, condivisioni o tag. Non si tratta solo del prodotto, ma di creare una vera e propria esperienza di acquisto: attenzione, quindi, a dare vita ad esperienze personalizzate sensazionali e incentrate sul cliente. Importante per chi si occupa di digital marketing è far sentire le persone connesse creando interazioni basate su interessi e aree geografiche con il sistema di ADS e la dashboard di Facebook.

L’esperienza di acquisto va ben oltre le caratteristiche di un prodotto: si tratta di shoppertainment, un intrattenimento legato allo shopping, un’esperienza immersiva e coinvolgente, anche se nel mondo virtuale, tanto che l’82% degli acquirenti intervistati a livello globale. Via libera quindi ad eventi di shopping in diretta, giochi, contest e quanto di creativo si possa legare alla vendita di prodotti/servizi.

Imprescindibile è il ruolo dei social media nel campo delle vendite online, che fanno da vettore nel presentare le novità sul mercato: il 63% degli acquirenti globali ha affermato di aver gradito la scoperta, attraverso i social, di nuovi articoli che non si stavano cercando attivamente. Influencer, creatività, coinvolgimento la fanno da padrone: il consiglio della piattaforma statunitense è di attirare l’attenzione degli acquirenti creando esperienze immersive con le inserzioni nelle Storie e taggando i prodotti, dando vita a video o caroselli. Insomma poche nozioni e tante emozioni perché un prodotto diventi un desiderio, una necessità.

Non solo: chi fa marketing può ideare piccoli lotti, uscite programmate ed edizioni limitate per rendere i prodotti ancora più speciali e desiderabili.
Secondo gli esperti di Facebook le campagne per le festività efficaci si basano su una buona pianificazione e i brand dovrebbero cominciare a prepararsi già a giugno.
Il digital e i canali social hanno sostanzialmente cambiato il modo di fare acquisti: le persone sono passate dall'andare al fare shopping a fare shopping in modo continuativo e gli stessi canali digitali sono utilizzati per cercare nuovi prodotti e per trovare la giusta ispirazione e fare acquisti.

Per conoscere tutti i dettagli e scaricare la “Guida al marketing natalizio 2021” di Facebook clicca qui.

Hai bisogno di un supporto per far crescere le tue vendite? Contattaci, sapremo consigliarti le giuste strategie di marketing e mettere in pratica tecniche ad hoc per il tuo business.

 

Leggi di più

08/09/2021Referral marketing: l'importanza del passaparola

Una delle necessità principali di un’azienda è, ovviamente, aumentare in modo importante il numero dei clienti. Per farlo occorre mettere in campo diverse strategie, tra queste anche il Referral Marketing, che fa leva su fiducia e persuasione. Si tratta, quindi, del marketing del passaparola: i prodotti si vendono perché qualcuno ne raccomanda o consiglia l’acquisto, così come un cliente sceglie l’azienda, il brand o il prodotto perché si affida e si fida.

Il termine “Referral Marketing” include tutte quelle attività di promozione messe in atto da un’azienda che prevedono il coinvolgimento di un “Referral”, cioè di un cliente che consiglia ad altre persone di rivolgersi ad essa per la qualità dei suoi prodotti e/o servizi. La mission, per questa branca del marketing, è, quindi, motivare quanto più clienti possibili a raccomandare il marchio e l’azienda, i suoi servizi e prodotti.

Di seguito tre azioni per dare vita ad un’efficace strategia di referral marketing.

1- Prodotto in omaggio
Il primo metodo, il più classico e conosciuto, è attirare i clienti con un omaggio. Alla base di questa scelta non può non esserci un’attenta valutazione: bisogna poter offrire gratuitamente un prodotto in omaggio che ha costi di produzione bassi per l’azienda, ma che comporti un reale valore e vantaggio per il cliente.
Non solo: regalare un prodotto o un servizio significa anche testarlo, per capire che presa ha sul pubblico, effetti e conseguenze sul mercato.

2- Social sharing
Parliamo della strategia che invita gli utenti a condividere sui propri canali social articoli, video, immagini e contenuti su un’azienda o un brand. Si tratta di una forma di passaparola immediato, dalla grande forza mediatica e capace di arrivare a molte persone.

3- Recensioni online
Impossibile non citare, nell’ambito del referral marketing, le recensioni online: negative o positive che siano, si tratta pur sempre di un passaparola in quanto gli utenti, fruitori di un servizio, esprimono il loro parere in merito.

BENEFICI E SVANTAGGI DEL REFERRAL MARKETING

Tra i benefici del referral marketing vi sono:

credibilità e rapidità nelle decisioni d’acquisto: avere clienti reali che, soddisfatti, consigliano l’azienda ad altri consumatori significare lasciare un’impressione autentica, credibile e tangibile del proprio valore. Questo plus porterà i nuovi clienti ad acquistare un prodotto o un servizio in un tempo più breve, senza particolari dubbi o diffidenze.

fatturato in crescita: un numero di clienti fissi in aumento si traduce, ovviamente, in un maggiore fatturato.

Tra gli svantaggi del referral marketing si annoverano invece i seguenti punti:

la necessità di avere una clientela fissa come prerequisito: il referral marketing si basa su una clientela già fidelizzata che esprime le proprie esperienze e consiglia l’azienda a nuovi consumatori. Questo rappresenta un limite per le aziende più giovani, che hanno un numero di clienti ridotto e, probabilmente, non propenso al passaparola.

difficoltà dettate da eventuali critiche: clienti insoddisfatti e pareri negativi sono fisiologici, è letteralmente impossibile piacere a tutti. È probabile che eventuali commenti negativi inceppino il sistema, causando qualche difficoltà.

Hai bisogno di un supporto per far crescere le tue vendite? Contattaci, sapremo consigliarti le giuste strategie di marketing e mettere in pratica tecniche ad hoc per il tuo business.

 

Leggi di più

08/09/2021L'importanza delle recensioni per il tuo business

Le recensioni sono oggi più che mai uno dei criteri di scelta del consumatore ed uno di quei fattori che consente al brand di consolidarsi e ampliare vendite e profitti nel tempo. Grazie alle informazioni contenute nelle recensioni i potenziali clienti possono raggiungere la consapevolezza necessaria alla decisione d’acquisto e avere la certezza di evitare truffe.

Si tratta certo di un’arma a doppio taglio nel caso dei feedback negativi, ma se ben sfruttate, le recensioni sono un ottimo strumento di Marketing e sono in grado di veicolare ulteriori recensioni. Le persone infatti sono maggiormente inclini a provare un prodotto o un servizio che è già stato provato da altri.

Bisogna premettere che ottenere recensioni è un vero e proprio lavoro per chi gestisce un’attività fisica o virtuale come un ecommerce: non sempre infatti i clienti sono propensi o hanno il tempo di lasciare recensioni, inoltre un approccio identico per tutti gli acquirenti non è sempre vantaggioso, può essere più utile targettizzare e puntare sui clienti storici /abituali o su quelli che hanno avuto di recente un’esperienza positiva. Altro fattore importante è quando chiedere la recensione, a seconda del prodotto o servizio venduto e soprattutto nel momento di massima partecipazione emotiva. In tutti i casi è necessario spingere gli utenti a comunicare la propria esperienza positiva.

Ma quali sono i modi per ottenere un feedback? Scopriamoli assieme: 

inviare un’email dopo l’acquisto: l’email di follow up, specie se segue l’acquisto online deve essere diretta e concisa. È importante far sapere ai propri clienti che l’obiettivo è creare la migliore esperienza d’acquisto e che date valore alle loro opinioni. Importante: sono da ben calibrare i tempi di invio per non rischiare di infastidire il cliente ed offrire il tempo di provare il prodotto.

inviare una comunicazione promozionale insieme al prodotto: richiedere una recensione con un biglietto persuasivo, personale e ben scritto e con un bel packaging può portare a risultati inaspettati.

offrire un incentivo, uno sconto o un regalo inaspettato: si tratta dell’overdelivering, che nella sua accezione più moderna consiste nel fornire al cliente, prima della eventuale recensione, qualcosa in più che non si aspetta. Coccolare il cliente con un prodotto aggiunto, sconosciuto e non acquistabile altrove che concretizza il valore in più che il brand è in grado di fornire.

creare un rapporto di fiducia con l’email marketing: è noto che contenuti utili e di supporto sono uno strumento capace di fidelizzare il cliente. Grazie alla diffusione di contenuti a valore aggiunto è più semplice far scoprire un prodotto/servizio e richiedere a chi lo ha acquistato di condividere la propria esperienza.

Hai bisogno di un supporto per far crescere le tue vendite? Contattaci, sapremo consigliarti le giuste strategie di marketing e mettere in pratica tecniche ad hoc per il tuo business. 

Leggi di più

31/08/2021Snippet in giallo: cosa sono e a cosa servono

A partire dallo scorso anno Google ha colorato di giallo, mettendole in risalto, alcune porzioni di testo all’apertura di una pagina web. Questa funzione di Google serve a catturare subito l’attenzione dell’utente, indirizzandola verso quella parte di contenuto da cui il motore di ricerca va ad estrapolare i testi in anteprima nei featured snippet.

I featured snippet o snippet in primo piano sono quei riquadri messi in evidenza in cima alla SERP e che contengono le informazioni title, metadescription e URL. Il colosso statunitense vuole fornire all’utente una risposta sempre più rapida con ricerche a zero clic, cioè attraverso quelle ricerche in cui la risposta alla query è già nella SERP. I testi degli snippet evidenziati in giallo puntano a questa mission: indirizzare il lettore ad ottenere, in estrema rapidità, le informazioni che sta cercando.

La feature si attiva in automatico nel momento in cui il motore di ricerca è in grado di determinare esattamente dove si trova il testo in questione e se l’utente naviga con un browser che supporta la Link To Text Fragment, un’estensione di Google Chrome introdotta a dicembre 2018.
Questa caratteristica, supportata al momento solo da Big G, è sicuramente da non sottovalutare, non solo da un punto di vista tecnico. Avrà, infatti, un peso anche dal punto di vista dell’advertising, in quanto, la restituzione dei risultati con risposta immediata si traduce in una minore visualizzazione del resto del testo, compresi i banner pubblicitari nella sezione superiore della pagina.

Leggi di più

11/08/2021Fabiostore: l'importanza del customer care su Amazon

Avere uno store su Amazon è molto di più che aprire una vetrina. Significa, infatti, essere sempre concorrenziali, pronti a rispondere alle esigenze del cliente, gestire feedback, rispondere alle domande. È fondamentale mantenere alte le performance dell’account, avere cura del cliente attraverso un servizio di customer care e di presenza online preciso e costante.

È stata proprio la difficoltà di gestione dell’account che ha spinto FabioStore, apprezzata realtà focalizzata nella vendita di dispositivi elettronici e tecnologici, a contattarci.
Avere uno standard di performance alto significa, infatti, non subire alcuna sospensione o alert da parte di Amazon che chiede, attraverso verifiche costanti, a tutti i suoi partner di mantenere un elevato livello di vendita, una qualità impeccabile dei prodotti in catalogo e una precisa gestione dell’account al fine di offrire ai clienti un'esperienza di acquisto fluida, affidabile e piacevole.

Grazie alla gestione del team di Intempra.com, specializzato nello Shop Management, nella personalizzazione del ciclo di vendita e nell’analisi delle performance, Fabiostore ha ottenuto, negli ultimi tre mesi, una percentuale di performance pari quasi al 100%.

Con una gestione attenta, oculata ed efficace dell’account, Fabiostore si è mostrato “vicino” ai suoi clienti, rispondendo con celerità a dubbi, domande e richieste, aumentando i livelli di fiducia nel brand e fidelizzando i consumatori.

Leggi di più

05/08/2021Chiusura per ferie

Relax e sole ci aspettano.

I nostri uffici saranno chiusi per ferie dal 12/08/2021 al 24/08/2021.

In tale periodo i servizi di assistenza e supporto al cliente saranno attivi solo per risolvere richieste inerenti malfunzionamenti ed errori bloccanti di siti, software e applicazioni.

Per la segnalazione di tali casi di emergenza vi preghiamo di inviare una email a supporto@intempra.com indicando in oggetto la parola Urgente e l’anomalia per la quale si richiede assistenza.

Per fornire il miglior supporto possibile e tempistiche chiare, vi informiamo inoltre che:

• qualsiasi nuova richiesta di lavoro o attività di supporto pervenutaci entro il giorno 6 agosto, sarà consegnata a partire dal giorno 25 di agosto.
• qualsiasi richiesta pervenutaci dopo il 6 agosto, non precedentemente pianificata, sarà soddisfatta a partire dal 1° settembre.

Buone vacanze dal team di Intempra!

Leggi di più

04/08/2021I 10 tool più utili per un social media manager

Essere sempre online, sempre attenti, sempre efficienti e “sul pezzo”! È questo quello che viene richiesto ad un social media manager. Un impegno non da poco, che però può essere facilitato grazie all’utilizzo di app e tools. Scopriamo insieme i 10 tools più interessanti per una gestione dei social efficace e produttiva.

Slack: per coordinare un team, Slack è fondamentale. Permette ai membri del team di comunicare con facilità durante un progetto, evitando di allungare i tempi con l’invio di mail.

Google Alert: uno strumento utile per monitorare i risultati di ricerca, per essere sempre aggiornati su un tema o una keyword prescelta, permette all’utente di ricevere una email con tutti i risultati Google sul nome del brand o la parola impostata.

Feedly: indispensabile per tutti coloro che vogliono seguire l’attualità nel loro settore di competenza. Si tratta di un aggregatore di notizie per essere sempre aggiornati su temi specifici e avere sempre a disposizione idee, novità e spunti per i contenuti web e social. Basta inserire le keywords e le tematiche di riferimento o, volendo, le fonti specifiche. Vi è, inoltre, la possibilità di raggruppare le collection, organizzare le cartelle e archiviare i contenuti.

Hashtagify: il tool per eccellenza per creare hashtag di impatto. Basta digitare la parola che ci interessa approfondire per ottenere subito 10 parole ad essa collegate.

Evernote: offre la possibilità di creare schizzi e screenshot allo schermo da modificare a proprio piacimento per rendere subito il concetto e trasferire un’idea o per prendere appunti utili e immediati attraverso le immagini.

Giphy: con Giphy è possibile convertire parti di un video in una GIF, facendo l’upload di un video oppure incollando direttamente l’URL. Permette, inoltre, di cercare in un grandissimo database immagini animate da condividere per una strategia social di impatto e divertente.

Hemingway App: è uno strumento di scrittura assistita, verifica la leggibilità di un testo, in base alle subordinate e alla lunghezza e al numero di parole utilizzare. In pochi secondi fornisce il feedback sul testo incollato, segnalando visivamente i problemi rilevati. Abbrevia le frasi e suggerisce sinonimi e termini da usare per dare vita a contenuti sempre più interessanti.

Hootsuite: un’unica dashboard per la gestione, l’organizzazione e la pianificazione dei contenuti sui diversi canali social. Assolutamente da non perdere: consente non solo di schedulare i post, ma anche di creare report analitici di base.

Pocket: è una “tasca” dove “inserire” tutte le news, le pagine web e i contenuti da leggere in un secondo momento. Utile per non perdersi nell’immenso mondo del web e tenere sempre a disposizione quello che ci interessa, nel momento più comodo.

Canva: intuitivo e facile da usare, consente di realizzare immagini, grafiche, infografiche per blog e social network. Permette all’utente di scegliere tra tantissime card grafiche, gratuite o a pagamento, già realizzate e completamente editabili a seconda delle esigenze, di personalizzarle con loghi ed elementi grafici e di creare grafiche a partire dalle misure standard dei social.

Hai bisogno di un supporto per far crescere la tua attività sui social e raggiungere nuovi clienti? Contattaci ora e definiremo insieme la giusta strategia per la tua azienda/professione.

 

Leggi di più

01/08/2021Retail: le leve che spingono l'utente all'acquisto

Il 2020 è stato un anno particolarmente difficile dal punto di vista economico: i negozi e store fisici hanno registrato un forte calo di traffico e vendite, dettato dalle misure in corso per contrastare l’emergenza sanitaria. Se da un lato, però, le vendite e i guadagni dei negozi non alimentari sono calati, dall’altro è aumentata la capacità di risparmio, pari al 6% del PIL, dei consumatori italiani.
Occorre, quindi, fermarsi a riflettere su quali siano le leve strategiche per portare i consumatori nel negozio fisico e a visitare lo store digitale. Ad aiutarci i dati raccolti da Google/Kantar, con uno studio a livello mondiale sull'aumento del traffico e delle conversioni in seguito al miglioramento delle esperienze cliente, condotto in 38 paesi su un campione di 33.500 consumatori maggiori di 16 anni che avevano fatto acquisti online, aprile-maggio 2019.

ONLINE E OFFLINE: LE PRINCIPALI LEVE DI VENDITA

La principale motivazione per cui si sceglie di comprare online è, indubbiamente, la comodità: navigare con facilità su un sito web, senza alcun limite di distanza o orario favorisce questa tipologia di business, così come la possibilità di poter ricevere, senza necessità di effettuare nessuno spostamento, il prodotto comodamente a casa.
Per quanto concerne, invece, gli store fisici, la leva principale per la scelta è la vicinanza ad un negozio. In tal caso “comodità” si traduce anche in possibilità di visionare il prodotto e poterlo portare immediatamente a casa.
Per quanto concerne il business online va considerato un aspetto fondamentale: i consumatori hanno un'apertura mentale circoscritta e tendono ad acquistare solo presso pochi rivenditori top of mind. Pur conoscendo almeno 13 negozi online, tendono ad acquistare da 3 negozi. Appare, quindi, evidente l’importanza del marketing per farsi ricordare e restare in cima a questa "Top Three".

DIGITAL MARKETING E SOCIAL MEDIA MARKETING PER AUMENTARE IL TRAFFICO

In media, il 51% del traffico online e delle vendite digitali è stimolato da investimenti di marketing. Non solo: il digitale fa bene all’offline. Il marketing per i motori di ricerca, assieme ad un corretto utilizzo dei social media, è un fattore particolarmente efficace per stimolare il traffico in negozio, portando una percentuale del 50% di utenti presso i negozi fisici.
Ma cosa rende il digital marketing e gli annunci sul web e sui social vincenti? Eccovi un breve elenco delle principali caratteristiche di campagne e contenuti efficaci:

  • Costanza: la pubblicità sul web deve essere costante. Un brand non può esserci e poi sparire per lunghi periodi. Il consumatore medio è “bombardato” da migliaia di annunci in un giorno; un singolo annuncio potrebbe passare inosservato.
  • Tempestività e personalizzazione degli annunci: il segreto è, quindi, esserci e, soprattutto, essere presenti al posto giusto, nel momento giusto. Occorre intercettare la domanda dei consumatori con risultati personalizzati, in base ai loro interessi, alle loro esigenze, al luogo di residenza o dove si vuole acquistare.

Hai bisogno di un supporto per far crescere le tue vendite? Contattaci, sapremo consigliarti le giuste strategie di marketing e mettere in pratica tecniche ad hoc per il tuo business.

 

Leggi di più

29/07/2021Instagram: tutte le novità in arrivo

Novità in arrivo per Instagram, che si rinnova su molti fronti e punta, in particolare, al rispetto e alla sicurezza per i contenuti dei minori.
Scopriamo insieme tutte le novità della celebre piattaforma social:

Maggiore privacy per i minorenni su Instagram

Proprio come altre piattaforme, anche Instagram prevede il limite minimo di tredici anni per l’iscrizione, criterio utile ma non sufficiente a garantire la sicurezza dei minorenni sulla piattaforma. Per questo il social metterà in atto una nuova opzione di sicurezza, blindando i profili di tutti i minorenni, rendendoli privati, ossia visibili ai soli follower.
Non si tratterà, però, di un’opzione irrevocabile: si potrà, infatti, modificare il proprio profilo dalle impostazioni per rendere pubbliche storie e contenuti.
Si tratta, comunque, di un filtro maggiore, in quanto prevede un doppio step che permette all’utente di accettare o rifiutare uno sconosciuto, piuttosto che essere seguito in automatico da chiunque.

Sottotitoli e traduzione nelle stories

Interessante e capace di abbattere qualsiasi tipo di confine: parliamo della traduzione delle storie Instagram. La nuova funzione permetterà di tradurre i testi delle storie nella lingua richiesta. Una comodità e un’immediatezza assolute: ogni profilo è impostato su una particolare lingua e, nel caso in cui si visualizzino le stories con delle scritte in una lingua differente, basterà “fare tap” per convertirle e accedere al testo tradotto.
Sono ben novanta le lingue supportate da questa funzione, per una copertura quasi totale dell’utenza di Instagram. Commenti, didascalie e biografie degli utenti sono, invece, traducibili già dal 2016 e sono già disponibili i sottotitoli automatici dall’audio, ma esclusivamente in lingua inglese.

Reel più lunghi

Addio ai 15 secondi del Reel. Le clip brevi che richiamano il modello TikTok, potranno raggiungere la durata di un minuto, per la gioia di creator e aziende che puntano a guadagnare sempre più spazio.

Storie esclusive e contenuti a pagamento

Si tratta di una feature ancora in fase di test interno, ma rappresenterebbe una svolta indiscutibile. Instagram potrebbe inserire dei contenuti a pagamento, come storie con foto e video particolari. Per visualizzare questi contenuti esclusivi l’utente dovrebbe pagare. Un’opzione che, da un lato, potrebbe incontrare numerose resistenze e che, d’altro canto, potrebbe essere un investimento utile per i profili business. I contenuti a pagamento, in caso di approvazione e lancio effettivo su IG, saranno contrassegnati con una cornice di colore differente rispetto agli altri e accompagnati da messaggi che ne esplicitano la natura.

 

Leggi di più

08/07/20215 strategie di crescita per il tuo e-commerce

Un sito e-commerce di successo non è solo una piattaforma realizzata bene dal punto di vista tecnico e funzionale, ma è uno strumento capace di rispondere a diversi obiettivi e finalità. Per far sì che un sito e-commerce B2B o B2C sia performante, occorre mettere in atto una vera e propria strategia di marketing e pianificazione dei diversi step.


Ma quali sono gli aspetti principali di cui tener conto?
1) Investire nella SEO

Una buona indicizzazione e ottimizzazione delle pagine di un sito web si traduce in una migliore visibilità e capacità di “raggiungere” gli utenti. Tutti i motori di ricerca, Google in primis, favoriscono i siti di cui riescono a leggere con facilità struttura, facendoli salire tra i risultati della serp. La stessa attenzione all’ottimizzazione del sito deve esserci anche per quanto concerne l’aspetto mobile, oggi fondamentale in quanto si tratta dello strumento più utilizzato per le ricerche sul web.
Fare SEO significa partire da una prima fase di analisi delle migliori parole chiave da utilizzare, evitando keyword troppo generiche. Queste parole chiave, andranno utilizzate in modo strategico in alcuni elementi, quali ad esempio tag Title, Meta Description, i tag Heading e nell’Alt Text delle immagini.

2) Puntare ad un sito veloce ed user-friendly

La velocità di un e-commerce è un aspetto imprescindibile, in quanto può condizionare il numero di vendite realizzate. Se il sito è lento e impiega troppo tempo per caricare una pagina, l’utente può scegliere di abbandonare la piattaforma e, conseguentemente, l’acquisto in corso.
Spingere per un aumento delle conversioni vuol dire, quindi, tener conto di molteplici fattori quali, ad esempio, la presenza di immagini ottimizzate, che influiscono sulla velocità e le prestazioni della piattaforma stessa.
Navigabilità prima di tutto: un sito che offre prodotti deve essere intuitivo. All’utente va garantita un’esperienza di navigazione e utilizzo del sito soddisfacente e semplice, organizzando al meglio ogni schermata della piattaforma, ogni scheda prodotto e ogni link presente. Le fasi di vendita e di acquisto online prevedono una serie di passaggi quali la valutazione di un prodotto, delle sue caratteristiche e dell’importo, così come, di fatto, il pagamento stesso. Tutti questi step devono procedere senza alcun intoppo perché il cliente decida di tornare nuovamente a comprare da noi.


3) Definire il pubblico e le buyer personas
Un aspetto essenziale di qualsiasi strategia di marketing è identificare a chi rivolgersi, il proprio mercato di riferimento, che andrà poi targetizzato in precisi segmenti di pubblico. Occorre identificare delle buyer personas, rappresentazioni e archetipi dei clienti ideali, che ci aiuteranno a capire come personalizzare e declinare l’offerta in base ai loro comportamenti, esigenze e desideri.

4) Ottenere recensioni

Rappresentano l’evoluzione dell’antico e sempre utile passaparola: parliamo delle recensioni. Si può recensire un prodotto con il classico sistema delle stellette o per mezzo di un commento sui social, sul blog o addirittura sul magazine autorevoli di settore. A prescindere da quale sia il metodo, una recensione è sempre importante perché racconta agli altri potenziali acquirenti, in maniera veritiera, l’esperienza di chi ha scelto il tuo business. Per stimolare l’utente a lasciare una recensione, possiamo fornirgli la possibilità di esprimere una votazione su più aspetti. Specificare caratteristiche e mettere in risalto dettagli può aiutare un acquirente indeciso a chiarirsi le idee e finalizzare il processo di acquisto.

5) Costruire e sviluppare il blog

Avere un blog aggiornato, interessante e capace di stimolare la curiosità degli utenti è un aspetto assolutamente da considerare per il successo del sito e-commerce. Il blog ti permette di generare traffico, rispondere ad eventuali dubbi dell’utente e costruire una community, fidelizzando sempre più il rapporto con gli internauti.
Contenuti di qualità, documenti, tutorial, guide: favorire il download di risorse è uno strumento di marketing utile per spingere l’utente a lasciare i propri dati e ti offre la possibilità di costruire un interessante database di leads.

Scopri in che modo possiamo portare online il tuo business e migliorare le tue performances di vendita, contattaci adesso e ti presenteremo tutti i dettagli della nostra soluzione di e-commerce integrata costruita su misura per te.

 

 

Leggi di più

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 Succ