Dati obbligatori da comunicare sul proprio sito Internet

Puntiamo l'attenzione su un aspetto rilevante per ogni azienda che voglia promuoversi sul web tramite il sito istituzionale ma anche con blogs e social nertworks: quali i dati obbligatori da comunicare?

Per quanto riguarda il sito Internet partiamo dall'art. 35, comma 1, D.P.R. n. 633/72 che dispone che il titolare di partita IVA ha l'obbligo di specificare il numero di partita IVA sull'home page del sito internet che riguarda l'attività svolta. Per la mancata indicazione è prevista una sanzione amministrativa che varia da ? 258,23 a ? 2.065,83.

Inoltre a seguito della modifica dell'art. 2250 del Codice Civile, da parte dell'art. 42 della legge 7 luglio 2009, n. 88 (Disposizioni per l'adempimento di obblighi derivanti dall'appartenenza dell'Italia alle Comunità europee; c.d. legge comunitaria 2008), sono state introdotte nuove disposizioni sui dati obbligatori da comunicare sul web per le imprese che dispongono ?di uno spazio elettronico destinato alla comunicazione collegato ad una rete telematica ad accesso pubblico? 

la norma riguarda le Società per azioni , Società a responsabilità limitata, le società in accomandita per azioni che dovranno indicare  sul proprio sito web le seguenti informazioni:

  • sede della società;  ufficio del registro delle imprese presso il quale la Società è iscritta ed il numerod'iscrizione
  • capitale sociale versato quale risulta esistente dall'ultimo bilancio
  • dopo lo scioglimento, l'indicazione che la Società è in liquidazione
  • solo per S.p.A. e S.r.l. l'indicazione che la Società ha un socio unico.

Inoltre l'art. 16 della Legge n. 2/2009 (di conversione del D.L. n. 185/2008) ha disposto per PA, le imprese e i liberi professionisti (con il decreto legge sviluppo bis, le disposizioni saranno estese alle imprese individuali) l'obbligo di dotarsi di un indirizzo di Posta Elettronica Certificata e renderlo pubblico mediante la comunicazione al Registro delle Imprese.In relazione a quest'ultima previsione occorre tener presente chel'art. 2250 del codice civile, modificato dalla Legge Comunitaria 2008, non contiene alcun riferimento diretto alla pubblicazione dell'indirizzo di posta elettronica certificata sul sito web aziendale ma tale indicazione non sembra essere esclusa dagli obblighi di trasparenza che sussistono per l'impresa.


E' vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti, salvo autorizzazione specifica dell'autore